La disposizione dei tavoli al matrimonio: 5 consigli per non sbagliare

 

Tavolo lungo imperiale,  a ferro di cavallo o tavoli rotondi? Qualche consiglio per voi e pillole di galateo su come disporre gli invitati al vostro matrimonio

 

Una volta creata la lista degli invitati e ricevute tutte le conferme dei vostri ospiti, è arrivato il momento di capire come e dove posizionarli, sia in base al loro numero che in base alla location.

Niente panico! Ecco qualche consiglio per voi…

 

1. La forma dei tavoli

Prima di tutto dovete partire dalla forma dei tavoli, da qui sarà molto più semplice capire come assegnare poi i posti e tutto dipende dalla sala o dalla location scelta.

Potete scegliere il tavolo imperiale, o a ferro di cavallo – ideale se siete all’aperto e magari avete una grande piscina attorno alla quale potete disporre i tavoli, circondati da candele e luci galleggianti per un effetto suggestivo e romantico…

Potete anche utilizzare una formula mista, un tavolo imperiale per i parenti, i testimoni e gli amici più vicini, e i tavoli rotondi per gli amici ed i parenti più lontani o per i colleghi di lavoro.

I tavoli rotondi, quadrati o rettangolari ospitano in genere dalle 2 alle 12 persone, avete anche l’opzione “custom”: realizzare dei tavoli delle forme particolari, pensate però che a quel punto anche il tovagliato dovrà essere realizzato su misura.

2. Quanti e quali invitati?

Il numero degli invitati e la loro composizione è fondamentale per l’assegnazione dei posti. Se ci sono tanti bambini, pensate se sia il caso di contattare un’agenzia di animazione, a quel punto potete collocarli in una sala tutta per loro: i genitori potranno così godersi il party senza preoccuparsi dei piccoli.

Il menu dovrà essere pensato per loro: caramelle e patatine fritte a gogo! Naturalmente, i bambini più piccoli rimarranno con i propri genitori, ricordate di prevedere dei seggioloni.

Secondo il galateo, le coppie di fidanzati dovranno rigorosamente essere posizionate vicine, mentre le coppie già sposate possono anche essere collocate in posti diversi ma mai troppo lontano…

Un’idea originale potrebbe essere quella di collocare i single (sia parenti che amici degli sposi) in uno stesso tavolo: potrebbe essere un’occasione speciale per fare amicizia e perché no, magari potrebbe scoccare qualche scintilla…

In genere poi si divide tra: amici della sposa, amici dello sposo, amici comuni, famiglia della sposa, famiglia dello sposo, lavoro della sposa, lavoro dello sposa. Sarà molto facile, a questo punto, distribuire ciascun ospite nei tavoli, che potrete disegnare e posizionare a piacimento in un’ipotetica sala.

Cercate anche di capire quali sono i rapporti fra gli invitati: se ci sono antipatie fra alcune persone è sempre un rischio posizionarle nello stesso tavolo.

3. Chi deve stare vicino agli sposi?

Normalmente sono due i tavoli vicini a quello degli sposi, quello dei genitori, dei testimoni e degli amici più stretti. Insomma, la sala andrebbe suddivisa in due parti, posizionando al centro il tavolo degli sposi, da un lato la famiglia della sposa e dall’altro quella dello sposo. La sposa è alla destra dello sposo e avrà di conseguenza da quel lato della sala la propria famiglia, ma chi ha la famiglia più numerosa siederà dal lato più grande della sala.

4. Posti SOS

Ricordate che qualche conferma arriverà sempre all’ultimo momento, per cui prevedete sempre qualche posto in più o eventuali defezioni dell’ultimo momento: c’è sempre chi si accoppia o si “scoppia” prima dell’evento: l’importante è essere pronti anche a questo.

Una piccola attenzione per le persone anziane: evitate di posizionarli vicino alle condotte dell’aria condizionata.

5. Il Tableau Mariage

Una volta posizionati con certezza tutti gli invitati, potete consegnare la lista al vostro wedding coordinator che provvederà a consegnarla a tutti i fornitori: catering, direttore di sala, eventuali hostess e soprattutto a chi poi realizzerà il tableau mariage.

Questo elemento è sempre più richiesto dalle coppie ed è la soluzione ideale che evita sempre momenti di confusione generale prima di sedersi a tavola. In genere viene realizzato seguendo il mood della cerimonia. Noi de Il Nuovo Chiostro ne abbiamo realizzati davvero di tutte le tipologie: ecco i più belli da noi realizzati.

 

Una soluzione più pratica è quella di far decidere proprio agli invitati dove sedersi. Alcune sale da pranzo vengono allestite con la sola indicazione del tavolo a cui indirizzarsi, ma non del posto.

Post a Comment